Rete Fotografiarete-fotografia

4. QUAL È IL FUTURO DELL’INDUSTRIA DELLA FOTOGRAFIA?

ARVE Error: no video ID set

La rivoluzione digitale ha cambiato la “centralità” della fotocamera. Siamo passati dalla fotocamera come dotazione della famiglia alla fotocamera personale, passando anche da una rappresentazione della realtà a una “rappresentazione di sé”. Prima c’era lo scatto e la stampa. Oggi subito dopo lo scatto e prima della stampa esiste una fase di elaborazione e, dopo la stampa, una fase di “finishing”. Le potenzialità creative offerte da questi due passaggi che prima non esistevano sono praticamente illimitate.
Se negli ultimi dieci anni l’industria attraverso la tecnologia ha cambiato il mondo della fotografia, nei prossimi potranno essere gli stili di vita dei consumatori e le esigenze sempre più sofisticate dei professionisti a condizionare il futuro dell’industria: in entrambi i casi attraverso una sempre più profonda convergenza e interazione tra fotografia e informatica.

Massimo Pizzocri
Affonda le radici della propria passione professionale nel mondo della stampa di alta qualità: a partire dagli studi, per passare alle prime esperienze professionali sino ad arrivare alla sede italiana di DuPont Nemours dove ha sviluppato importanti esperienze, dal marketing alle vendite, in Italia e all’estero. Dal 1999 è in Epson Italia. Dopo essere stato Direttore Marketing di Epson Italia e quindi Head of Strategic Marketing per Epson Europa, ha ricoperto dal 2006 al 2011 la carica di country manager della sales company italiana. Oggi, pur mantenendo l’incarico di amministratore delegato di Epson Italia, è tornato ad assumere un ruolo di rilievo europeo come Vice-President Consumer Sales di Epson Europa. Sposato, con un figlio universitario con il quale condivide l’amore per il trekking in montagna, ha una passione, quella del sax, che ama suonare nel proprio tempo libero e un impegno che coltiva da sempre, il volontariato con la pubblica assistenza.

Piero di Camillo
Piero di Camillo è un ingegnere per formazione, un manager per professione e un fotografo per passione. Dopo una lunga esperienza lavorativa che l’ha visto in posizioni di grande responsabilità presso varie multinazionali operanti nel campo dell’IT è approdato a fine carriera in AIF, Associazione Italiana Foto e Digital Imaging di cui èn segretario Generale da due anni. L’associazione che raggruppa i marchi più importanti del settore della fotografia e dell’imaging svolge attività culturali, scientifiche e formative per la promozione della fotografia, indirizzate sia ai professionisti che agli appassionati. Per questo AIF è uno dei soci fondatori di Rete Fotografia.
Nato in Croazia, con un figlio nato a Danzica e una nuora nata a Mosca, non sorprende che abbia come hobby lo studio delle lingue slave.